Amare se stessi

Il fine settimana è occasione di riflessione, di conseguenza ci si muove a mano libera, sperimentando. In questo giorno bellissimo, regalo invernale, anticipo di primavera, vorrei condividere un esercizio su se stessi, che non ho letto mai su alcun libro, ma che ho sperimentato ed amato dal primo momento. Un piccolo esercizio per ricaricare le batterie alla mattina, quando ci sentiamo abbattuti o presi dallo sconforto per qualche evento che riconosciamo come esterno, ma che in realtà esterno non è, perché non esiste un fuori indipendente dalla nostra volontà. Esiste solo un universo interiore, che plasma ciò che definiamo realtà esteriore.

Perciò, il solo modo per trasmutare ciò che ci fa soffrire è osservarlo, riconoscerlo e donargli amore, compassione. Le qualità necessarie affinché tutto ciò si dissolva o si trasformi in qualcosa di nuovo e meraviglioso.

Cominciamo dal principio:
Ancora sdraiati nel letto, col torpore del mattino, ricordiamoci di dire grazie, nella nostra mente ed a voce alta, per quanto possibile, senza che il partner ci cacci di casa..
Prendiamo poi contatto con il nostro respiro, osserviamolo entrare ed uscire, dentro, fuori, dentro, fuori...

Quando la mente, ancora placida dal mattino, si rallenta ancora un po', possiamo iniziare ad osservare il nostro corpo e ad amarci.
La posizione è supina, con le mani comode o poggiate all'altezza del cuore, li dove risiede la nostra anima.

Mentalmente sussurriamo a noi stessi, chiamandoci per nome TI AMO: Davide TI AMO, Davide TI AMO, un mantra. Prova a rivolgerlo verso te stesso con il più alto grado di affetto che puoi, con compassione verso ciò che ci fa sentire in colpa, con amore, perché siamo nati per essere amati. Come lo diresti alla creatura più innocente che abbiate visto, un bimbo che risiede nel vostro cuore.

Spesso succede nella mente, che ci siano pensieri in cui vengono immaginato i pensieri di qualcun'altro. Essi sono in realtà un'intersezione tra le menti delle persone, in qualche modo agite sulla mente dell'altra persona, inducendola a comportarsi con voi in un determinato modo. Il bello del prendersi la responsabilità di ciò che accade è che possiamo sostituire questo pensiero con qualcos'altro.

Immaginate che a pronunciare il mantra siano le persone attorno a voi, proprio quelle che riteniate vi odino. Nella mente usate persino la loro voce, per quanto possibile. Davide TI AMO, Davide TI AMO, Davide TI AMO.

QUESTO PROCESSO SOSTITUISCE CIÒ CHE CREDETE CHE GLI ALTRI PENSINO DI VOI, CON CIÒ CHE VOI VOLETE.
Sostituisce una vostra credenza, con qualcosa di più costruttivo. È molto potente e provoca dei cambiamenti nella vita, inimmaginabili, perché tutto il lavoro è concentrato in un unica direzione.

Pratichiamolo insieme per un mese, per lenire la pesantezza di quest'inverno.

Buon Lunedì!

I Più Visti

Affronta la sfida...di cosa hai paura?

Del ridicolo? Del cambiamento? Paura di qualcosa di nuovo?
Che la paura non ti immobilizzi!
Abbi il coraggio di uscire dalla tua confortevole scomodità,
c'è meglio di questo stato di tranquilla disperazione.
04/04/2014 D. Ikeda

Parabola del figliol prodigo

Tratto dal vangelo sinottico di Luca 15:11-24
25/02/2014 tratto dal Vangelo Sinottico di Luca 15:11-24

Avere la cosa più importante del mondo, senza possederla

Non si perde nessuno, visto che non si possiede nessuno. Questa è l'autentica esperienza della libertà. Avere la cosa più importante del mondo, senza possederla. Paulo Coelho
12/02/2014 Davide Gurgone

Lancillotto Gobbo

Tra le pieghe dello spazio tempo ho scovato questo dialogo tratto dal "Mercante di Venezia", che ben rappresenta il conflitto interiore che si può manifestare dentro di Noi, quando desideriamo ardentemente qualcosa. In questo contesto si tratta del desiderio di libertà. Quanto spesso siamo noi a porci dei limiti alla nostra libertà. La schiavitù è una condizione della mente, uscire da questa condizione non è facile, il lavoro è arduo, ma il premio è il più elevato che si possa maturare sulla terra: La libertà.
26/09/2014

C'era una volta una piccola anima, appena creata

Una volta c'era un'anima che sapeva di essere la luce. Si trattava di un'anima nuova, e quindi ansiosa di compiere esperienze. «Sono la luce», diceva. «Sono la luce.»
19/02/2014 Davide Gurgone

Privacy notice

10/06/2013

Sviluppare la gratitudine

C’è sempre qualcosa per cui essere grati. Gautama Buddha
Basta guardarsi attorno, per accorgersi delle meraviglie del creato. Inizialmente è necessario fare uno sforzo, alle volte sembra sempre davvero tutto nero attorno a noi, ma non appena si cominciano a selezionare i pensieri, ci si rende conto che alcune cose non sono proprio brutte, qualcosa è anche accettabile, anzi, no… Questa qui è interessante, bella, mi piace! Grazie!
09/03/2014 Davide Gurgone

Distacco dai legami

Discendo di era in era per proteggere i giusti, annientare i malvagi e ristabilire i principi della legge. Sri Krishna
06/03/2014 Davide Gurgone

Luce - Veicolo di informazioni

La luce è energia, ciò che gli indiani chiamano Prana. Se la osservi puoi scorgere l’impeto con cui penetra ogni cosa, riempiendo le lacerazioni create dalla paura che spesso pervade le coscienze, bonificando ciò che appare perduto. All’alba i mostri scompaiono, lasciando spazio alla luce. All’amore di Dio.
31/03/2014 Carmelo Davide Andrea.

Niente è importante... Quindi tutto è importante...

Titolo e Quadro di Keith Haring
11/02/2014 Davide Gurgone

Sii Luce per il Mondo e non danneggiarlo

Cerca di costruire, non distruggere. Riporta a casa la Mia gente.
02/05/2014 Dio, Conversazioni con Dio Vol. II - N. D. Walsch